Seleziona una pagina

L’era del consumo globale tramite l’industrializzazione ha portato nel tempo a un cambio di vita sociale, con lo spostamento in massa di persone dalla vita di campagna alle città. Tutto questo per diventare consumatori finali di prodotti snaturati e senza più legami col territorio.

L’esempio lampante infatti è nella semente del grano, da sempre fonte principale di vita e nutrimento, coltivato con le fatiche di intere generazioni. Esso apporta tutti i nutrienti fondamentali e necessari per la sopravvivenza: acqua, carboidrati, buon valore proteico, lipidi, vitamine del gruppo B e vitamina E, sali minerali.

Il Grano duro Senatore Cappelli, una di queste varietà di grano, è una semente antica e riscoperta, oggetto recentemente di studio da parte del reparto di gastroenterologia del Gemelli di Roma e pubblicato sulla rivista scientifica Nutrients.

In questo studio clinico randomizzato in doppio cieco, il Senatore Cappelli sembrerebbe migliorare la sintomatologia di pazienti che soffrono di sensibilità al glutine non celiaca (NCGS), ai quali viene spesso consigliato di eliminare completamente il glutine dalla dieta. Lo scopo di questo studio era quello di confrontare gli effetti di una varietà di grano duro biologico con quelli del grano commerciale, in pazienti con NCGS nota.

I 42 pazienti arruolati nello studio (70,6% donne, età media 45 anni), sono stati randomizzati nei seguenti gruppi di trattamento: A) dieta di due settimane con pasta di grano duro Senatore Cappelli; B) una dieta di due settimane con pasta di grano commerciale standard. Ogni paziente è passato all’altro gruppo di trattamento. I parametri delle sintomatologie di NCGS come gonfiore, distensione addominale, eruttazione, flatulenza, sensazione di evacuazione incompleta, dermatite e intorpidimento degli arti sono risultati come punteggio complessivamente più bassi dopo aver mangiato Senatore Cappelli. Tutta via, ad oggi, non è ancora chiaro se il glutine o altri componenti del grano, siano responsabili di questi sintomi.

 

BIBLIOGRAFIA: https://www.mdpi.com/2072-6643/11/4/712/htm

A.F.